“Io sono Malala”

"Malala" - Eduardo Kobra, Roma, via Prenestina
“Malala” – Eduardo Kobra, Roma, via Prenestina

Malala ha 15 anni. Ha appena finito di seguire le lezioni. Sale sull’autobus per tornare a casa. Sono le 12 di un caldo 9 ottobre 2012. Durante il tragitto il bus si ferma. Sale un uomo e spara tre proiettili. Malala viene colpita in pieno volto e rischia la vita. E’ colpevole di aver rivendicato un diritto: studiare. Diritto che nel suo paese, il Pakistan, non può essere concesso a tutti. Soprattutto alle donne. Almeno per i Talebani che hanno deciso di chiuderle la bocca.

Ma Malala non muore. Guarisce, si rialza e decide di proseguire la propria battaglia che la porta fino al palazzo di vetro delle Nazioni unite. E’ il 12 luglio del 2013 e la giovane donna, con indosso lo scialle appartenuto a Benazir Bhutto, lancia un appello: “Oggi non è il mio giorno, è il giorno di tutti coloro che combattono per i propri diritti. I talebani non mi ridurranno mai al silenzio e non uccideranno i miei sogni”.

Oggi Malala è il simbolo delle donne che combattono per il diritto alla cultura. E proprio ieri ha vinto il Premio Nobel per la Pace insieme all’attivista indiano Kailash Satyarthi, diventando con i suoi diciassette anni, la più giovane vincitrice di un premio Nobel. La motivazione del Comitato per il Nobel norvegese è stata: “Per la loro lotta contro la soppressione dei bambini e dei giovani e per il diritto di tutti i bambini all’istruzione”.

HT_malala_cover_jtm_140815_16x9_992Da quel 9 ottobre Malala Yousafzai inizia un viaggio per la rivendicazione di diritti, un viaggio straordinario che la conduce dalla remota valle dello Swat all’assemblea generale delle Nazioni Unite. La sua storia viene raccontata nel libro “Io sono Malala”, un “inno alla tolleranza e al diritto all’educazione di tutti i bambini, il racconto appassionato di una voce capace di cambiare il mondo”.

kobraA Roma in via Prenestina l’artista Eduardo Kobra ha realizzato un murales in onore di Malala.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.