Norvegia, il paese dell’aurora boreale

aurora2Per gli antichi era presagio di guerra e di peste, per alcune popolazioni era un fenomeno provocato dalle donne nubili. Ed era vietato sventolare un capo di abbigliamento bianco. Perché gli dei del nord avrebbero potuto “rubare” la terra. Erano le credenze legate all’Aurora borealis, la luce del nord. Ovvero il fenomeno naturale provocato dallo scontro tra le particelle elettriche provenienti dal sole con l’atmosfera terrestre. Dagli scritti di Aristotele molto è cambiato. Si è scoperto infatti che esiste una connessione tra l’aurora boreale e i disturbi magnetici. Fino a quando nel 1886 il fisico norvegese Kristian Birkeland ha formulato la prima teoria completa sull’aurora boreale.

L’aurora boreale “contiene” diversi colori determinati dai gas con i quali le particelle provenienti dal sole si scontrano. Ma la colorazione dipende anche dipende dall’altezza dell’atmosfera in cui lo scontro avviene. L’aurora boreale è visibile da 90 a 150 chilometri dalla superficie della terra, ed i colori si distribuiscono più o meno in questo modo: oltre i 150 chilometri : luce rossa; da 120 a 150 chilometri: luce giallo verde; sotto i 120 chilometri : luce blu viola.

L’aurora boreale è collegata all’attività solare. Ecco perché si manifesta a polo nord magnetico.  Per via della loro posizione geografica le regioni del Troms e del Finnmark, in Norvegia, sono punti di partenza perfetti per scoprire il fenomeno. Nella Norvegia del Nord la probabilità di vedere l’aurora boreale è statisticamente più elevata nel periodo tra ottobre e febbraio. Per vederla è necessario il buio. Ma anche la limpidezza del cielo.

“Foto prese da internet, chi vantasse i diritti d’autore può contattarmi e sarò ben lieta di aggiungerli”…

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. silviacapretta ha detto:

    Credo che sarà il mio prossimo viaggio…grazie per le informazioni!! Complimenti!

    Mi piace

    1. Enrica Tancioni ha detto:

      Grazie a te per essere passata!
      Buon viaggio!!!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.