On the road da Amsterdam a Bruxelles

amsterdamOn the road da Amsterdam a Bruxelles. In sella a una bicicletta. Domani, mercoledì 17 febbraio alle 20 ritorna On the road, il programma della musica in viaggio di www.radiobarrio.it.

Qui il podcast della puntata.

L’infrastruttura ciclistica olandese è notoriamente ottima, e quasi tutte le strade hanno delle piste ciclabili (“Fietspad” in olandese) su sede separata, ottimamente segnate con cartelli che indicano direzione e distanza. Un’altra caratteristica per cui l’Olanda è famosa è la presenza di infinite pianure. Basta unire questi elementi per capire che ci troviamo di fronte al paese perfetto per chi inizia a praticare cicloturismo!

amsterdamLe piste ciclabili olandesi sono spesso un vero e proprio mondo a parte rispetto alle strade per automobili che corrono parallele. I semafori per ciclisti si trovano dappertutto, e non è raro incontrare delle rotatorie specifiche all’incrocio di diverse piste ciclabili. Per non parlare poi dei ponti per ciclisti, o dei tunnel specifici per attraversare fiumi in bicicletta.

I Paesi Bassi sono ricoperti interamente da una rete di piste ciclabili organizzata attorno a degli “incroci” (knooppunt in olandese). Ogni incrocio è contraddistinto da un numero univoco. Per pianificare la propria giornata all’aria aperta, è sufficiente usare una mappa della rete ciclabile olandese, dove gli incroci sono chiaramente segnati. Basta poi segnarsi i numeri dei punti dai quali si passerà, e seguirli in una specie di caccia al tesoro, facilitata dalle chiare indicazioni presenti lungo le piste ciclabili e agli incroci stessi, dove si trova sempre un cartello con informazioni turistiche e una chiara mappa. Il funzionamento è più facile a farsi che a dirsi, ed è chiaramente spiegato in questo video (in inglese, ma utile a tutti):

pista ciclabileIl sistema di percorsi a incroci sta velocemente sostituendo un precedente sistema di percorsi a tema. In alcune zone dell’Olanda ci sono ancora dei segnali di forma esagonale che indicano proprio questi itinerari incentrati su un motivo di interesse particolare, come ad esempio i mulini o le ferrovie.

La rete di percorsi LF è lunga più di 4.500 chilometri: ce n’è quindi per tutti i gusti. Sono contraddistinti sul terreno da cartelli indicatori con le lettere LF e il numero del percorso; infine, noterete delle lettere che indicano la direzione che si sta seguendo: con la “a” si segna la direzione da nord a sud o da ovest a est, con la “b” il contrario. Molti itinerari LF continuano oltre la frontiera olandese: è il caso ad esempio dei percorsi Eurovelo 2 e Eurovelo 4, o di LF2 che va da Amsterdam a Bruxelles. Altri itinerari LF molto interessanti sono quello che attraversa tutto il paese da nord a sud, e uello che si svolge in gran parte sotto il livello del mare.

amsterdam2I più ambiziosi, o semplicemente coloro che hanno molto tempo a disposizione, possono puntare a fare il giro completo dell’Olanda (Ronde van Nederland), un itinerario ad anello di 1300 km, con partenza ed arrivo a Arnhem. E’ costituito dall’unione di diverse sezioni di percorsi LF, e segue per quanto possibile la frontiera dell’Olanda, mostrando la grande varietà di panorami dei Paesi Bassi. Chi completa il Ronde van Nederland, e dimostra di averlo fatto tramite delle fotografie, riceve un simpatico diploma e può essere inserito nel sito ufficiale del percorso (solo in olandese).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.