On the road alla scoperta dei mercati più belli del mondo

suqistanbulOn the road alla scoperta dei mercati più belli del mondo. Domani, mercoledì 18 maggio, ritorna il programma della musica in viaggio di www.radiobarrio.it

Qui il podcast della puntata.

Galleggianti nel continente asiatico, polverosi e affollati nell’Africa nera, ordinati e futuristici nel nord Europa: attraversando un mercato senti sempre di far parte di qualcosa. Non sono negozi, tanto meno supermercati, sono invece i luoghi per eccellenza dell’incontro, dell’arte della contrattazione, dell’astuzia di chi vende e di chi compra. Domani sera andremo alla scoperta dei mercati più belli del mondo.

cai rangCai Rang mercato galleggiante, Vietnam. Il mercato galleggiante di Cai Rang si trova nella provincia di Can Tho, in un’area del Delta del Mekong, nel sud del Vietnam. Ogni barca è un negozio ma anche una abitazione e il commercio che vi si svolge è all’ingrosso; i venditori si scambiano le merci da una barca all’altra ed è possibile, arrivando la mattina presto dalle 6 alle 8, assistere ad uno spaccato di vita fuori dal tempo.

Khan El- KhaliliKhan El- Khalili, Cairo. Il più antico suq del Cairo risale al 1382 ed è secondo in grandezza, nel Medio Oriente, solo al Bazaar di Istanbul. Al suo interno un dedalo di viuzze dove vengono esposte merci di ogni tipo: dalle vivande ai tessuti, dai gioielli ai profumi, dalle spezie agli oggetti in vetro o pelle. Impossibile fare acquisti senza partecipare a lunghe trattative con i commercianti locali: un rituale al quale è bello ma altrettanto faticoso prendere parte.

MarkthalMarkthal, Rotterdam. Nato dal progetto dello studio di architettura e urban design “MVRDV” il Markthal è un mercato coperto all’interno di un edificio residenziale ad arco. L’esterno è in pietra naturale grigia mentre l’interno ospita in gigantesco murales dal titolo ‘Cornucopia’ degli artisti Arno Coenen e Iris Roskam. Passeggiando per il mercato coperto è possibile curiosare tra un centinaio di bancarelle di alimentari o fermarsi a mangiare in ristoranti e caffetterie. Aperto 7 giorni su 7 dalle 10 alle 20.

ChichicastenangoChichicastenango, Guatemala. Il più colorato e pittoresco mercato del Centro America si trova a Chichicastenango, nella regione di Quiché, in Guatemala e si tiene solo due volte a settimana: il giovedì e la Domenica. Grande attrazione turistica del paese, il mercato è diviso in due: una parte più autentica, dove i venditori provenienti da villaggi lontani esibiscono le loro merci alimentari e una più ad uso e consumo degli stranieri che vogliano fare acquisti di artigianato locale.

MounffetardMercato Mounffetard. Il Marché Mouffetard, Hemingway lo ha definito un “meraviglioso, piccolo mercatino di strada affollato”. La strada ciottolata Rue Mouffetard rivela la sua atmosfera culinaria con pescivendoli, macellai, fruttivendoli e panettieri che vendono alcuni dei migliori prodotti naturali locali. E’ difficile trovare la tradizione francese così autentica in altre parti della città.

 

Pat Khlong TalatPat Khlong Talat, Bangkok. Il mercato di Pat Khlong Talat si svolge lungo Chak Phet Road a Bangkok ed è aperto 24 ore al giorno. Nel più grande mercato dei fiori della capitale thilandese si possono trovare orchidee, rose e tutti i tipi di fiori tanto popolari in questa parte del mondo. I prezzi sono molto bassi e la maggior parte delle confezioni prevedere un numero che va da 50 a 100 pezzi. Il momento migliore per vederlo è poco prima dell’alba, tra le 3 e le 4 del mattino.

Addis MerkatoAddis Merkato, Addis Abeba, Etiopia. Addis Merkato è uno dei più grandi mercati all’aperto dell’Africa, dedicato soprattutto alla vendita dei prodotti agricoli della zona, in particolar modo il caffè, ma ci si può trovare di tutto. Al suo interno sono impiegate circa 13.000 persone per un totale di 7.000 attività commerciali. Luogo dalle mille sfaccettature, caotico e labirintico, il Merkato può assumere, a tratti, le sembianze di uno slum in cui tutto si mescola e diventa necessario muoversi con attenzione.

Grand BazarGrand Bazar, Istanbul. Uno dei bazar più antichi e grandi del mondo, vi si trova in vendita ogni genere di mercanzia: tessuti, spezie, oggetti di vetro, pellami, dolci, manufatti in ottone. Aperto tutti i giorni, esclusa la Domenica e durante le festività religiose islamiche, è un labirinto composto da 4.000 botteghe in cui la cosa più piacevole da fare è perdersi. Parola d’ordine, invece, se si vogliono fare acquisti: contrattare come tradizione vuole.

La BoqueriaLa Boqueria. La Boqueria è il mercato più famoso di Spagna e il più grande della Catalogna con i suoi 2.583 metri quadrati e con più di 300 bancarelle. È anche uno fra i mercati più antichi di Spagna: nato agli inizi del XVII secolo alle porte della città nella piana del Plan della Boqueria (che oggi è una piazzetta di fronte all’attuale mercato) per non pagare le tasse sulle merci, fu inaugurato poi, nel 1836, dove si trova tuttora a metà della popolare Rambla, fra il Palazzo della Virreina e il Teatro Liceu. Dove ora c’è il mercato, una volta c’era il convento di San José, dal quale deriva il nome del mercato. Dopo la distruzione del convento, fu costruita una grande piazza con un importante colonnato, e il mercato fu trasferito fra quelle colonne. Era quindi inizialmente un mercato all’aperto fino a che nel 1840 venne coperto. L’attuale copertura metallica fu inaugurata nel 1914 e nel 2000 fu ulteriormente ristrutturata.Oggi La Boqueria non è solo un mercato dove si possono trovare prodotti altrimenti difficili da reperire, ma anche un’attrazione turistica che attrae visitatori da tutto il mondo. Con il passare degli anni sono subentrati commercianti di diversi paesi che offrono prodotti della loro terra.

 

BloemenmarktBloemenmarkt, Mercato Dei Fiori, Amsterdam. Il Bloemenmarkt è un mercato di fiori composto da stand che si trovano su chiatte fisse sul canale Singel, nella città di Amsterdam. E’ unico al mondo nel suo genere e vi si trovano molte specie di fiori e bulbi, soprattutto tulipani e narcisi. Fondato nel 1862, quando si faceva uso di zattere per trasportare i fiori raccolti fino al centro della città, mantiene intatto il suo fascino pur essendo frequentato da molti turisti provenienti da tutto il mondo.

 

Suq MarrakechSuq Marrakech. Ci si possono perdere giornate intere a girovagare tra i suq della città di Marrakech. Tra vie e piccole piazze dedicate a merci e attività specifiche: una città nella città. Tra venditori di articoli in pelle, fabbri, olive, spezie, teiere d’argento, ceramiche e tutto quello che fa dell’artigiano marocchino uno tra i migliori del mondo. Non se ne esce vivi, se non si contratta e non si partecipa, almeno una volta, alla cerimonia del tè offerta dai commercianti ai potenziali acquirenti, tra tappeti e babbucce, nei retrobottega.

 

DjenneDjenne’, Mali. Ogni lunedì, dal medioevo ad oggi, la piazza di fronte alla Moschea di Djenné, in Mali, ospita il mercato più colorato e vivace di tutto il paese. La scenografia è spettacolare: le bancarelle di venditori hanno come sfondo il più grande edificio in mattoni di fango esistente al mondo. Il momento migliore per arrivare è la mattina presto, quando il caldo non è opprimente e ci si può intrattenere passeggiando tra le mercanzie e godendosi la vista.

 

TsukijiTsukiji, Mercato Del Pesce, Tokyo. Nel quartiere centrale di Tsukiji, a Tokyo, ha sede il più grande mercato del pesce del mondo. Aperto fin dalle prime luci dell’alba impegna più di 60.000 persone in operazioni di vendita all’ingrosso, al dettaglio e in quella che è la grande attrazione di questo mercato: l’asta del tonno. Molti i piccolissimi ristoranti in cui è possibile assaggiare, dicono, il miglior sushi del mondo. Il mercato di Tsukiji sarà trasferito a Toyosu, nel quartiere di Koto, in previsione delle olimpiadi del 2020.

Luang PrabangMercato Notturno Luang Prabang, Laos. La maggior parte degli articoli che si trovano nel mercato notturno di Luang Prabang sono fatti a mano. Più di 300 bancarelle vengono allestite ogni sera lungo Sisavangvong Road dalle 17 alle 22 con una enorme scelta di prodotti di artigianato laotiano proveniente dai gruppi etnici locali. I prezzi sono già piuttosto bassi ma è sempre possibile contrattare al momento dell’acquisto. I laotiani sono molto discreti e non forzano le persone all’acquisto dei loro prodotti.

ShilinShilin, Taiwan. Il mercato notturno di Taipei si trova in Dadong Road ed è famoso per la sua sterminata offerta di specialità gastronomiche locali. Aperto dalle 20 alle 24 ha anche un settore dedicato a merci di vario tipo ma è consigliato andare soprattutto per il cibo. Scegliere dove fermarsi, cosa assaggiare tra le 500 e più bancarelle che mettono in mostra i piatti della tradizione, può essere un’impresa ardua.

 

Sana’aSana’a Citta’ Vecchia, Yemen. Nella città che Pasolini definiva ‘la più bella del mondo’ si trova un suq di altrettanta bellezza. Nelle piccolissime botteghe che costeggiano le strette vie della capitale dello Yemen ci si immerge nella cultura locale: fasci di kat (erba che gli uomini del posto sono soliti masticare), jambiya (il pugnale dalla punta ricurva che gli uomini indossano dall’età di 14 anni), terrecotte dipinte a mano in stile tribale, argenti, oggetti sacri. Come nel resto del mondo arabo: vale la regola della contrattazione fino all’affare perfetto.

sohoMercati di Camden. Camden è conosciuta per i suoi mercati: questi sono relativamente recenti, se si esclude l’Inverness Street Market, un piccolo mercato ortofrutticolo che serve i locali, sebbene nei weekend sia frequentato anche da turisti. Il Camden Lock Market si formò nel 1973 e adesso è circondato da mercati-satellite: Buck Street Market, Stables Market, Camden Canal Market a un mercato coperto nella Electric Ballroom. L’insegna di Camden Lock. I mercati sono una delle maggiori attrazioni turistiche nei fine settimana, e vendono prodotti a prezzi accessibili di tutti i tipi, inclusi abbigliamento, libri, cibo, antiquariato e oggetti bizzarri. I mercati e i negozi circostanti sono popolari tra i giovani, in particolare chi è in cerca di vestiti alternativi. Stables Market ha anche una parte dedicata all’antiquariato e ai mobili. Diversi di questi mercati sono famosi per lo spaccio di droghe come lecca lecca al gusto di cannabis e poppers.

 

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Giramondina ha detto:

    Articolo interessantissimo per una che come me, quando è in viaggio, cerca sulla cartina il mercato più vicino ed autentico per assaporare la vita vera di ogni luogo!!!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.