On the road alla scoperta della baia di Monterey

La baia di Monterey è una baia sull’oceano Pacifico, lungo la costa centrale della California. Si trova a sud di San Francisco, fra le città si Santa Cruz e Monterey. Di questo e di tanto altro si parlerà domani sera. Alle 21 ritorna On the road, il programma della musica in viaggio di www.radiobarrio.it

Baia di Monterey, o anche The Central Coast, sono locuzioni locali che descrivono la totalità delle coste che sottendono alla contea di Santa Cruz ed a quella di Monterey. Il primo europeo che scoprì la baia di Monterey fu Juan Rodríguez Cabrillo il 16 novembre 1542, mentre navigava verso nord lungo la costa su un convoglio facente parte di una spedizione navale spagnola. Egli le diede inizialmente il nome di bahía de los Pinos, probabilmente in funzione della foresta di pini incontrata in precedenza mentre circumnavigava la penisola di Monterey a sud della baia.

Da un lato c’è il gran divertimento per le famiglie del Santa Cruz Beach Boardwalk, un lungomare vecchio stile ricco di montagne russe, sale giochi, chioschi di cibo di strada e una storica giostra con i cavalli. E poi c’è il centro di Santa Cruz, frequentato dagli studenti dell’università locale alla ricerca di acquisti vintage e boho-chic, e rilassanti ristoranti con ingredienti biologici a km zero. Ma il cuore di Santa Cruz batte per il surf. La città è il luogo di nascita di questo sport negli Stati Uniti e i surfisti migliori sanno che Steamer Lane è una meta imperdibile.

Antichi boschi di sequoie e campeggi a nord della città. Questa straordinaria area protetta, il parco statale più antico della California, è una gemma di smeraldo nelle Santa Cruz Mountains. Con più di 128 km di percorsi che si diramano all’interno dei boschi di sequoie e altri habitat lussureggianti, il parco di Big Basin è un posto incantevole vicino alla Silicon Valley, a circa un’ora di distanza in auto verso ovest. Mamme e papà saranno felici di lasciare i figli liberi di immergere i piedi nei torrenti limpidi o di guardarli mentre cercano di trovare il coraggio necessario per baciare una Banana slug (un lumacone giallo; chiedete a qualcuno del luogo: è un rito per molti abitanti della California settentrionale). A Big Basin potete trovare numerosi campeggi, in 38 dei quali si può accedere solo a piedi: fate due passi e troverete il posto ideale per montare la vostra tenda in un luogo dove regnano pace e quiete. Muovetevi a piedi, in mountain bike o a cavallo sui percorsi tracciati. Chi ama il trekking apprezzerà lo Skyline to the Sea Trail, un percorso di 17 km che si sviluppa parallelo al Waddell Creek verso l’oceano e la vicina Theodore J. Hoover Natural Preserve. Ci sono anche numerose passeggiate panoramiche meno impegnative, come i percorsi circolari Sequoia di 6 km (con una piccola cascata) e Redwood di 1 km, che conduce i visitatori ad alcuni degli alberi più alti del parco. Munitevi di mappe e ascoltate i consigli dei ranger; chiedete anche informazioni sulle escursioni guidate al tramonto.

 

Ampie spiagge e acque invitanti; se aggiungete un pittoresco lungomare con giostre, giochi e musica, sarà difficile resistere! E non molti ci riescono: questo popolare lungomare è una tappa estiva obbligata per innumerevoli famiglie californiane, un’occasione magnifica anche per voi, per rilassarvi e divertirvi proprio come la sorridente gente del luogo. Sul lungomare c’è un’infinità di attrazioni, ma quella principale è il Giant Dipper, un’imponente montagna russa di legno inaugurata nel 1924, che per decenni ha provocato urla, strilli e occhi chiusi dalla paura. Oggi non è l’unica giostra emozionante in città; sul lungomare trovate anche la Double Shot, una torre alta 38 metri per gli amanti dell’adrenalina pura. Per divertimenti meno estremi, soprattutto per i più piccoli, potete fare un giro sulla giostra a cavalli Looff del 1911, Restaurata con cura maniacale (sì, la coda del vostro coloratissimo stallone è fatta proprio di crine di cavallo). C’è anche una sala giochi, divertente ma rumorosa, dove potrete sparare con i laser, divertirvi con il minigolf o con lo skee-ball e con un’infinità di videogiochi. Rilassatevi con un giro panoramico sulla funicolare Sky Glider, che vi regalerà viste mozzafiato della spiaggia, delle giostre e delle Santa Cruz Mountains. Durante l’estate, il mercoledì vengono proiettati film gratuiti sulla spiaggia, mentre il venerdì si svolgono concerti gratuiti.

Viaggiando sulle strade tortuose nelle Santa Cruz Mountains, ci si attende di incontrare sequoie altissime e nebbiosi panorami sull’oceano. E le cantine? È sorprendente ma è vero: la regione vincola di Santa Cruz conta su più di 70 cantine che producono un’ampia varietà di vini grazie alle caratteristiche minerali del suo suolo. Una della prime zone a denominazione AVA dello stato, la regione è nota soprattutto per i suoi Pinot Noir, Chardonnay e Cabernet Sauvignon. C’è abbondanza di microclimi e giornate soleggiate, notti nebbiose e una grande varietà di situazioni climatiche. Gli esperti di vino ritengono che questa aspra regione dia inevitabilmente un gran carattere ai suoi vini. Sui pendi avvolti spesso dalla nebbia, le uve maturano con lentezza. L’aria del mare rinfresca i vigneti durante la notte, conservando l’acidità (che è un vantaggio). Le fragranze giungono a maturazione prima che il contenuto di zucchero aumenti troppo, ottenendo così alla fine livelli alcolici meno elevati. Sono vini vitali, interessanti, che colpiscono. I terreni di montagna sono spesso sottili e sassosi, e anche questo è un vantaggio: i vitigni che devono sfidare suoli poveri producono meno grappoli ma di qualità migliore, con aromi più concentrati. Una meta imperdibile è Ridge Vineyards, arroccata su un ripido pendio nell’area più a nord delle Santa Cruz Mountains.

La cantina Ridge Vineyards è salita platealmente alla ribalta nella famosa degustazione alla cieca di Parigi del 1976 (soggetto del film del 2008 Bottle Shock); un Cabernet di Ridge superò nelle valutazioni dei migliori assaggiatori mondiali diversi Bordeaux classici. I vini di Ridge sono tuttora considerati del massimo livello.  Portatevi il necessario per un picnic, acquistate una bottiglia e rilassatevi con un panorama fantastico a est, lungo Silicon Valley. Un altro modo per assaggiare i vini di produzione locale sono le degustazioni in città. Fate una sosta da Storrs Winery, situata in quello che un tempo era un mulino, e degustate Chardonnay, Zinfandel e Pinot Noir. Al Pelican Ranch potete gustare vini prodotti con varietali tipici delle zone della Borgogna e della valle del Rodano.

 

Salinas è il capoluogo della Contea di Monterey negli Stati Uniti, nello Stato della California. Secondo la più recente stima fatta nel 2006 dal dipartimento delle finanze riguardo alla popolazione, questa risulta essere di 148.350 abitanti e quindi in leggero calo se confrontata a quella rilevata nel 2000. Ciò è da attribuirsi in gran parte all’alto costo della vita in città. La città, in gran parte suburbana, è situata nella bocca della Salinas Valley approssimativamente a 8 chilometri dall’Oceano Pacifico e gode di un clima mite.

Scoprite la meravigliosa Salinas, porta d’ingresso alla Monterey Bay nella Steinbeck Country, ricca di siti storici, campi incontaminati e vini eccellenti e con un pittoresco centro storico animato da persone socievoli e sempre disponibili. Lo scrittore John Steinbeck è nato proprio qui, quindi non perdetevi la visita alla sua casa d’infanzia e al National Steinbeck Center. Grazie alle sue produzioni agricole e all’ampia offerta di prodotti freschi e genuini oggi esportati a livello internazionale, Salinas si è conquistata l’appellativo di “insalatiera del mondo”. Qui troverete tutto l’anno il miglior clima del continente nordamericano e l’aria più pulita di tutti gli Stati Uniti d’America. Il segreto del successo dell’ospitalità di Salinas è un mix perfetto di fascino d’altri tempi e comodità moderne. I visitatori possono perdersi tra le bellezze delle vicine spiagge della Monterey Bay, delle missioni storiche di San Juan Bautista, Soledad, Carmel e San Antonio de Padua e delle cantine della South Monterey County, della Carmel Valley e del Pinnacles National Monument. Tra le attrazioni del luogo si contano più di 50 spiagge, oltre 60 parchi, il Santa Cruz Beach Boardwalk, le sequoie giganti di Big Sur e Santa Cruz, il Gilroy Gardens Amusement Park, il Monterey Bay Aquarium e tutta una serie di musei dedicati all’arte e alla storia. In questa zona vengono organizzati numerosi festival: alcuni celebrano la straordinaria eredità agricola della zona, come l’Artichoke Festival, il Garlic Festival e lo Strawberry Festival, mentre altri sono tutti dedicati alla musica, come il famosissimo Monterey Jazz Festival, il Blues Festival e il Bach Festival.

 

Fort Ord è una località ex poligono militare dell’esercito degli Stati Uniti situata lungo la Baia di Monterey in California. Fort Ord fu creato nel 1917 come poligono per le manovre militari ed esercitazioni di tiro dell’artiglieria. Il poligono è stato chiuso nel settembre 1994 in seguito alle raccomandazioni della commissione BRAC (Base Realignment and Closure) del 1991. La commissione indicò per lo spostamento delle unità militari presenti il poligono di Fort Lewis nello stato di Washington. La maggior parte dell’area è stata restituita allo stato della California ed è diventata sede della Università della California di Monterey Bay. La rimanente parte è stata data alla Università della California di Santa Cruz per la creazione dell’UC MBEST (Monterey Bay Education, Science and Technology).

A causa del freddo, nel canyon sottomarino di Monterey, ricco di cibo e profondo 1,6 chilometri, prosperano balene e mammiferi marini che potete incontrare in questo straordinario luogo tutto l’anno. Di tanto in tanto, è possibile intravedere cetacei più piccoli, quali la balenottera comune e la balenottera minore, nonché orche, delfini e focene. Numerose compagnie propongono tour di avvistamento delle balene con partenza dal Fisherman’s Wharf. Scoprite che cosa potreste vedere visitando lo straordinario Monterey Bay Aquarium. Se cercate il posto migliore da cui osservare le balene dalla terraferma, dirigetevi verso sud percorrendo la Highway 1 lungo la spettacolare costa di Big Sur, dove incontrerete numerosi luoghi sopraelevati da cui avvistare le balene. Nei fine settimana di gennaio e febbraio, partecipate a uno dei programmi di avvistamento delle balene organizzati dai ranger in alcuni dei parchi della regione, tra cui Garrapata, Andrew Molera e Pfeiffer-Big Sur State Park.

 

È una deliziosa, vivace e dinamica cittadina. Si trova a nord di Los Angeles e si affaccia sull’Oceano Pacifico. Nel visitare Monterey in California scoprirete che deve il suo nome al mercante esploratore Sebastian Vizcaino. La chiamò così in onore del Conte di Monte Rey. Per visitare Monterey in California, vi consiglio di restarci almeno un paio di giorni. Potreste così ammirare le sue tante attrazioni turistiche! Vediamo come visitare Monterey in . Per visitare Monterey in California, prenotate con largo anticipo la vostra vacanza. Potreste adocchiare offerte vantaggiose sia per il volo che per il pernottamento. Il tempo in California è variabile. Quindi, vi consiglio di indossare un abbigliamento a strati! Appena giunti, iniziate il vostro itinerario raggiungendo la Customs House (la dogana). È il più antico edificio storico della California. Un tempo era un palazzo governativo, oggi è un museo. Inoltratevi poi verso il Monterey State Historic Park. Qui avrete modo di assaporare la storia della città. Infatti passeggerete tra edifici e dimore storiche. La prima tappa è la Larkin House. È una casa di due piani in mattoni di fango costruita durante il periodo della dominazione messicana.

 

Nel visitare Monterey in California, soffermatevi ad ammirare la Casa Soberanes Adobe. Nota anche come la Casa del Cancello Blu. Continuando il vostro percorso storico per la città, proseguite verso il Pacific House. Il museo, inaugurato nel 1999, è in perfetto”stile Monterey”. Internamente presenta archi in stucco. All’esterno, fiori e piante accentuano il candore dei muri del giardino. A Monterey vi soggiornò lo scrittore scozzese Louis Stevenson, prima di sposarsi. La Stevenson House è poco distante dal Pacific House. Ecco qualche altro indizio importante prima di intraprendere questo viaggio.

 

Se amate l’arte, fate un salto al Monterey Museum of Art.  Il museo accoglie opere di giovani artisti californiani.  Imperdibile è il Monterey Bay Aquarium.  È una delle più importanti istituzioni didattiche.  Visitandolo conoscerete il mondo marino dei quattro principali habitat della Baia di Monterey.  Se viaggiate con bambini a seguito non perdetevi tale esplorazione! In questo sito troviamo utili informazioni. Nel visitare Monterey in California, potreste ammirare le meravigliose scogliere a picco sul mare. In primavera ed in estate presentano mille colori floreali! Se amate lo shopping, potreste raggiungere il porto turistico. Qui troverete negozi di souvenir e potreste gustare, nei tanti ristoranti presenti, ottimi piatti di pesce! Nel visitare Monterey in California, renderete unico il vostro soggiorno negli USA! Ecco un sito che sicuramente tratta in modo soddisfacente il nostro argomento.

 

Pacific Grove è una città costiera della Contea di Monterey in California, con una popolazione totale di 15.522 secondo il censimento del 2000. La città è ubicata fra il faro di Point Pinos e Monterey ad una quota di 46 metri s.l.m.. Pacific Grove è nota per le sue case vittoriane, la spiaggia di Asilomar, l’annuale migrazione delle farfalle Monarca e la sua eredità artistica. La città è dotata del maggior numero di case vittoriane per numero di abitanti rispetto a qualsiasi altra città statunitense; molte di esse sono state trasformate in bed and breakfast. Vi hanno sede il Museo di storia naturale Pacific Grove ubicato nel centro storico, e lo Stowitts museo e biblioteca. Il faro di Point Pinos è il più antico tuttora in esercizio dell’intera costa occidentale degli U.S.A..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.