Alla scoperta dei luoghi di Babylon Berlin

Germania, anni venti. La Repubblica di Weimar è appena nata e, a dieci anni dalla fine della Grande Guerra, su Berlino iniziano a diffondersi le ombre del nazismo. E non solo. Perché la Berlino di Weimar vive delle ombre dei rivoluzionari e dei comunisti. E mentre la maggior parte della popolazione vive nella povertà, pochi eletti si dividono tra i night club ricchi di vizi e corruzione e posizioni di potere.

È lo scenario di Babylon Berlin, la storia che, ispirata al romanzo Der nasse Fisch di Volker Kutscher, segue le indagini di Gereon Rath un ispettore di polizia veterano della Prima Guerra Mondiale, che come molti reduci soffre di shock post traumatico.

Ispirato al primo dei cinque romanzi dedicati alla Germania pre-nazista, Babylon Berlin si svolge tra il maggio e il giugno del 1929. La trama ruota intorno alle indagini del commissario di polizia Gereon Rath, trasferito da Colonia alla buoncostume di Berlino per una missione in incognito: sventare il ricatto a luci rosse di cui è vittima Konrad Adenauer, il borgomastro della sua città. Nell’investigare l’industria pornografica illegale berlinese, Rath si affianca a Bruno Wolter, un ambiguo poliziotto dalle maniere forti, e soprattutto alla giovane dattilografa della squadra omicidi Charlotte Ritter, affascinante e determinata, poverissima al punto da dover condurre una seconda vita da prostituta dominatrice per mantenere la famiglia.

Ma ben presto l’attenzione di Rath si sposterà su un tesoro di lingotti d’oro nascosto in un treno proveniente dalla Russia, di cui vogliono impossessarsi un po’ tutti: dissidenti trotskisti, agenti staliniani, la criminalità organizzata, i nazionalisti tedeschi impegnati a riarmare l’esercito contravvenendo agli accordi di pace. Alla luccicante e rigogliosa zona Ovest, dove fiorisce una straordinaria stagione artistica, musicale e cinematografica, fanno da contraltare i bassifondi della zona Est, fra emarginazione, degrado, depravazione, agitazioni comuniste e scontri di piazza. A far da sfondo i night club, come il Moka Efti, caffè, ristorante e sala da ballo, teatro di una sfrenata vita notturna, popolato da un demi-monde di cui anche Charlotte fa parte (è qui che si esibisce la contessa Sweta Sorokina, alias Severija Janušauskaité: le sue performance sul palco sono già di culto, in particolare quella di “Zu Asche, zu Staub”, tema musicale della serie).

Da questa trama intricata nasce la serie tv più costosa di sempre. Perché con il budget che supera i 40 milioni di euro, rappresenta un indimenticabile affresco noir dell’epoca weimariana.

Ma quali sono i luoghi simbolo della serie? Si parte dalla zona nord e più precisamente da Meyers Hof. È lo spazio operaio situato nell’Ackerstraße 132 nell’ex quartiere berlinese di Wedding. Era tanto tanto luogo di lavoro, quando spazio di stoccaggio per materie prime, produzione e residenza.

Ci si sposta a est, nel cinema muto Babylon a Rosa-Luxemburg-Platz. L’edificio è stato progettato dall’architetto Hans Poelzig nello stile della “Nuova Obiettivo” è ancora conservato come un cinema.

Ma il centro nevralgico della vita berlinese è sempre stata lei: Alexanderplatz. Ricostruita digitalmente nella sere tv, la piazza negli anni 20 era un vero e proprio centro cosmopolita. Gli edifici moderni come la torre televisiva di Berlino sono stati eliminati, grazie  alla tecnologia informatica.

Un luogo importante, quasi da diventare protagonista è la sede della Polizia. Il castello rosso, fino al 1890 aveva sede ad Alexanderplatz fino alla sua distruzione, avvenuta nel 1945. Le scene in esterna sono state tuttavia girate davanti la “Red City Hall”.

Creato da Elector Johann Georg, Unter den Linden, il viale più caratteristico di Berlino, ha avuto un’importanza significativa per le infrastrutture, perché proprio qui hanno iniziato a circolare i primi autobus motorizzati della città. Tra i boulevards del 1929 si trovavano anche edifici imponenti, come l’Opera di Stato, l’ex residenza del Re di Prussia e l’imperatore tedesco Wilhelm I e l’università Friedrich Wilhelm.

Come no  citare il Moka Efti, uno dei ristoranti più importanti della Repubblica di Weimar che riusciva a combinare intrattenimento e gastronomia. Situata tra Friedrichstraße e Leipziger Straße, la caffetteria è stata decorata nello stile orientale narrato dalle mille e una notta. Più tardi il proprietario Giovanni Eftimiades ha deciso di aprire un’altra caffetteria a Potsdamer Platz e l’ha chiamata “Moka Efti Tiergarten”.

L’edificio a sei piani su Potsdamer Platz, all’angolo di Stresemann Strasse, ovvero Haus Vaterland, è stato costruito nel 1912 ed è stato originariamente chiamato “Café Piccadilly“, prima di essere rinominato “Haus Vaterland” nel 1914. A costruire l’edificio è stato Carl Stahl-Urach. Era il 1928 e diede vita a un  palazzo di divertimento con numerosi ristoranti internazionali.

Sullo sfondo di Babylon Berlin si trova anche il “Bahnhof Zoo” nel quartiere di Charlottenburg. La stazione è diventata famosa negli anni ’20 grazie a “Emil e ai detective” di Erich Kästner. Dal giardino zoologico, il personaggio del titolo Emil Tischbein esce e insegue un uomo di nome Grundeis, che gli ha rubato dei soldi, attraverso Berlino. Per i berlinesi, la stazione era stata una sorta di accesso all’area dal 1882.

Il 22 marzo 1891 è la data della posa della prima pietra per la costruzione della chiesa dedicata a Kaiser Wilhelm. L’inaugurazione è avvenuta soltanto 4 anni dopo. L’architetto Franz Schwechten ha costruito la chiesa in stile neo-romanico, ma originariamente la struttura aveva cinque torri, la più alta era di 113 metri. Tuttavia la parte superiore della chiesa è stata distrutta il 23 novembre 1943, durante un raid aereo britannico.

Su ordine dell’eletto re Joachim II, il Kurfürstendamm è stato usato come percorso di equitazione nel XVI secolo. È stato Bismarck ad avere l’idea di trasformare il boulevard in una magnifica strada, seguendo il modello degli “Champs-Elysées” francesi. Il Kurfürstendamm è stato il simbolo degli anni ’20. I caffè, come il “Café des Westens” (“Café Kranzler” dal 1932), i cabaret, le riviste e i teatri avevano sede proprio in questa grande strada.

Aperto nel 1910 all’estremità occidentale del Kurfürstendamm, sulla Halensee di Berlino, è nato il più grande parco di divertimenti d’Europa. Il “Parco del Luna” ha attirato numerose giostre. Di grande importanza è anche l’aeroporto di Tempelhof,  aperto nel 1923 e messo in servizio come aeroporto principale. Soltanto nel 1926 sono arrivate le prime compagnie straniere e nello stesso anno, la Deutsche Luft Hansa AG ha fatto dell’aeroporto di Tempelhof l’aeroporto di casa. Nel 1929 è stata completata anche la stazione della metropolitana Tempelhof.

In soli 15 mesi, è nato il primo Karstadt di Berlino. Questo è stato costruito sul lato Kreuzberg di Hermannplatz nel 1929 e ha fornito 4.000 posti di lavoro. Su nove piani (72.000 metri quadrati di superficie) è stato considerato per anni  il più grande magazzino europeo. Ventiquattro scalatori hanno collegato i nove livelli. L’edificio è diventato rapidamente una vera e propria attrazione importante, così da far aprire diversi negozi e servizi.  L’attrazione principale, però, era il giardino pensile di 4000 metri quadrati. Questo non solo offriva una fantastica vista sulla città, ma era uno spazio di intrattenimento grazie ai numerosi concerti organizzati nell’area.

Dal 1 al 3 maggio 1929 i quartieri di lavoro di Wedding e di Neukölln sono stati interessati da scontri violenti tra la polizia e i comunisti. Trentadue persone sono state uccise e 250 ferite nel “May Blood”, la maggior parte delle vittime sono state civili tra cui donne e anziani. L’origine degli scontri è stato un divieto da parte del capo della polizia, Karl Friedrich Zörgiebel, a una manifestazione di protesta che si sarebbe dovuta tenere il primo maggio.

Qui il tour personale fatto a Berlino nel mese di settembre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.