Alla scoperta di Derry, la città del Sunday Bloody Sunday

L’eco dei Troubles si sente ancora a Derry, la cittadina del Sunday Bloody Sunday. Il 30 gennaio del 1972 la polizia protestante ha aperto il fuoco contro i cittadini che stavano manifestando per i diritti civili e l’accesso alle cariche pubbliche. Il bilancio è stato tragico: per le strade del quartiere Bogside 13 persone hanno…

Quattro passi a Belfast: tra birra, architettura e Troubles

Mattoni rossi e murales. A memoria dei Trouble degli anni Settanta, che hanno sconvolto la capitale dell’Irlanda del nord. Così a Belfast le architetture moderne si mescolano con le strade a ciottoli contornate da palazzi di mattoni rossi, e tra un negozio e l’altro spiccano i murales che ricordano le guerre civili di oltre 40…

Alla scoperta delle panchine letterarie e dei murales solidali a Terrasini

Andrea Camilleri, Rosa Balistreri, Giovanni Meli, Leonardo Sciascia e  Giuseppe Tornatore. Questi i personaggi che, dopo aver portato in giro per l’Italia e il mondo, la Sicilia e le sue arti, sono stati omaggiati. Succede a Terrasini dove l’associazione APS ATuttaVita di Roberta D’Asta e Chiara Giordano ha deciso di omaggiare i cinque personaggi creando…

La seconda vita di Quarto Oggiaro, laboratorio sociale a cielo aperto

Non chiamatelo Bronx. Né Banlieu. Perché Quarto Oggiaro, il quartiere nord di Milano sta vivendo un momento di riscatto. Sociale. Sì, perché da rione di micro criminalità è diventato un laboratorio sociale a cielo aperto, grazie all’impegno dei cittadini e delle associazioni che hanno deciso di avviare un percorso di legalità tra le strade dei…

Quanto la street art diventa messaggio sociale: Banksy

Da Bristol a Gaza. Passando per Londra e Parigi. Così Banksy, uno dei maggiori esponenti della street art, ha lasciato il segno. Il vero nome è sconosciuto, ma lo stesso non si può dire della sua posizione in merito alla guerra. Perché Bansky attraverso i murales, veri esempi di guerrilla art realizzati in incognito, trattano…

Surf art, quando l’artista dipinge sull’acqua

“Questo lavoro è stato ispirato dal silenzio sotto la superficie dell’acqua, dove tutto ciò che senti è il battito del tuo cuore e tutto il resto sparisce. Questo, è uno dei tanti posti che io chiamo casa”. Così in equilibrio sull’acqua, sulla sua tavola da surf, e armato solo dei suoi pennelli, Sean Yoro, dipinge…