In giro per Palermo

Cupole arabe, teatri neoclassici, chiese barocche e palazzine liberty. Sono questi gli elementi che fanno da sfondo a una città ricca di storia e di contraddizioni sociali, le stesse che rendono la perla della Sicilia. È Palermo, la capitale italiana della cultura 2018, il capoluogo siciliano in cui vivono e convivono diverse contraddizioni urbanistiche.

Palermo offre quindi un ampio ventaglio di tappe da segnalare,  ciascuna inserita in specifici itinerari a tema (enogastronomia, street art, mercati, cultura), questo anche alla comoda divisione in quattro quartieri storici chiamati mandamenti: la Loggia, Kalsa, Albergheria e Monte di Pietà – o Seralcadio. Questo grazie all’intersezione  delle due strade principali:  Via Maqueda e il Cassaro oggi Via Vittorio Emanuele. Il punto di incontro è conosciuto come Quattro Canti di città (indicato con A), sebbene la piazza, di forma ottagonale, si chiami ufficialmente Villena (dal nome del vicerè spagnolo a cui è intitolata).

I Quattro Canti sono i quattro piani di facciata che caratterizzano gli edifici che si affacciano all’incrocio. Al piano inferiore, si trovano le fontane che raffigurano i fiumi antichi di Palermo, le quattro stagioni, quindi le statue dei quattro re e infine, nella parte superiore, seguendo un criterio ascensionale dalla terra al cielo, le quattro Sante patrone di Palermo.

Se proseguite lungo Via Vittorio Emanuele potrete ammirare la bellissima Cattedrale, inserita dall’Unesco nel patrimonio dell’Umanità nell’ambito dell’itinerario Arabo-Normanno. Alle  spalle del complesso monumentale, in un vicolo che parte da Piazza Sett’Angeli, dove si trova un museo a cielo aperto dedicato ai carretti siciliani, e Palazzo dei Normanni (noto anche come Palazzo Reale, oggi sede dell’Assemblea regionale siciliana ma un tempo palazzo imperiale) con la Cappella Palatina.

Una volta arrivati nella zona dovreste fare un giro a Ballarò, uno dei mercati più belli dell’intera cittadina. Bisogna fare un salto alla Vucciria, terzo mercato cittadino. Si trova nel reticolo di vicoli che si apre oltre Via Vittorio Emanuele e qui, il chiasso e i colori vi rapiranno.

Imboccate via Roma sempre in direzione Via Cavour. E vi troverete davanti l’imponente Palazzo delle Poste, e proprio qui, a una manciata di metri, vi ritroverete in  via Bara all’Olivella, dove si trova “vara”, la statua di San Francesco di Paola custodita nella vicina Chiesa dell’Olivella e portata a spalla in processione, questa via che collega Via Lampedusa a Via Maqueda, oltre a essere molto caratteristica, è puntellata di tesori.

Dopo la visita, sempre lungo la medesima viuzza, raggiungerete il Teatro Massimo, nelle cui vicinanze si trova il Teatro dei Pupi e la bottega della famiglia Cuticchio, i pupari più famosi della città. A due passi dal Teatro si trova il Capo, il quarto mercato palermitano. Fate un salto al Politeama e una passeggiata sul lungomare, fino alla fortezza di Castellammare.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.